Italia Viva? - ormai si è persa anche la decenza

Stampa
AddThis Social Bookmark Button

Strumentale, ipocrita, forviante e offensiva, la manifestazione "Italia Viva - per una mappa del rinnovo urbano"  riporta la nostra Città ai più tetri e cupi anni del fascismo che oltre al manganello utilizzava il più subdolo strumento della propaganda coinvolgendo anche ingenui intellettuali che finivano per diventare ignari e sciocchi servi del regime.  Questa vergognoso "mostrare i muscoli" da parte del Sindaco De Luca oltre a confermare che esistono seri problemi di tenuta democratica è oltremodo inopportuna e sbagliata perchè l'intento non è tanto quello di aprire un dibattito ma di avere la possibilità di continuare a governare senza nessun controllo e senza nessun contrappeso politico o istituzionale.  Ma se il Sindaco intende spostarla sul piano muscolare lo dica chiaramente perchè non ci tireremo indietro così come non consentiremo che un despota con poteri assoluti "a Salerno e zone collegate" possa utilizzare risorse e strutture pubbliche per i suoi interessi personali.

Povero Calvino! Non avrebbe mai pensato di vedersi rubare una frase per propagandare una manifestazione che si pone contro una aggregazione popolare (Comitato),  contro la salvaguardia dell'ambiente e della natura (definito genericamente pseudo-ambientalismo), contro le Leggi scritte dallo stesso sistema borghese  e contro ill rispetto di procedure (dopo che a Salerno in più occasioni sono state palesemente violate).

“Obbligata a restare immobile e uguale a se stessa per essere meglio ricordata, Zora languì, si disfece e scomparve. La Terra l'ha dimenticata”.
Italo Calvino - Le Città Invisibili

Celarsi, nascondersi vergognosamente dietro l'alternativa dell'immobilismo è una falsità ideologica ed un indegno disprezzo della verità. E' inaccettabile prospettare alla gente che le alternative siano tra i folli progetti speculativi ed il non fare nulla, tra il consegnare la città ai costruttori ed il non fare nulla, tra favorire i padroni e gli affaristi e non il fare nulla. Il Crescent che appare sul manifesto è la sintesi di tutto questo! Si tenta nuovamente di fare passare una squallida speculazione edilizia per una azione di bonifica di una area disastrata; era un dovere intervenire su quell'area come soggetto di natura pubblica, valorizzandola e restituendola alla Città con una serie di impianti come strutture culturali, scientifiche, turistiche. Fruibili dalla comunità salernitana, prprietà della comunità salernitana ed in grado di proiettare Salerno in un contesto europeo.. Si è preferito invece svendere l'area alla speculazione, di riservarla ad una ignorante e arrogante borghesia commerciale ed affaristica, di snaturarla per creare un edificio per appartamenti di lusso.  Si cerca adesso di falsificare la verità e la storia prospettando ai salernitana la scusa, debole e falsa, dell'immobilismo!

Povera Salerno! Questa manifestazione, per i toni usati, per il contesto in cui si svolge, per tutto quello che sottindente è una manifestazione di uno schieramento non di un organismo democratico. Questa è una manifestazione di propaganda a solo uso personale che doveva essere promossa da un soggetto politico (di parte) e non da un Sindaco (di tutti) quale rappresentante istituzionale.  Non è la prima volta che De Luca usa lo staff comunicazione pagato dai cittadini  per sua propaganda personale, non è la prima volta che il sito istituzionale diventa il suo sito personale ma questa volta davvero si è superato ogni limite.

L'associazione invita le personalità presenti, autenticamente democratiche e che hanno a cuore il futuro di questa Città,  a non considerare la loro partecipazione come una azione neutrale in quanto questo avvenimento è contro la democrazia  e contro i cittadini di Salerno. Non abbiamo bisogno di Manifesti unilaterali ma di aprire spazi di discussione e dibattito liberi ed aperti, di restituire ai cittadini la possibilità di esprimere le loro idee ed opinioni, di liberare la Città da un sistema diffuso di governo nelle mani di una elitè borghese, affaristica e speculativa.

Altro che immobilismo!

Anche se voi vi sentite assolti, siete lo stesso coinvolti, De Andrè,  "Canzone del Maggio"

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy Policy

Gli applicativi software utilizzati possono contenere la tecnologia “cookie”. I cookies hanno principalmente la funzione di agevolare la navigazione da parte dell’utente. I cookies potranno fornire informazioni sulla navigazione all’interno del Sito e permettere il funzionamento di alcuni servizi che richiedono l’identificazione del percorso dell’utente attraverso diverse pagine del Sito. I cookies presenti negli applicativi software utilizzati sono di tipo anonimo e non sono riconducibili ai dati personali dell’utente. Per qualsiasi accesso al portale indipendentemente dalla presenza di un cookie, vengono registrati il tipo di browser (es. Internet Explorer, Netscape), il sistema operativo (es. Macintosh, Windows), l’host e l’URL di provenienza del visitatore, oltre ai dati sulla pagina richiesta. L’utente ha comunque modo di impostare il proprio browser in modo da essere informato quando ricevete un cookie e decidere in questo modo di eliminarlo. Ulteriori informazioni sui cookies sono reperibili sui siti web dei forniti di browser.

  Il m Tali sedi sono reperibili sui rispettivi siti: www.CUB.it e www.USB.it . io sindacato non ha un nome “comune”, come gli altri (CGIL,CISL,UIL,FAILP,SAILP,UGL);il mio sindacato è aperto,tutti possono entrarvi senza permessi speciali e senza dazio;tutti possono uscire liberamente;il mio sindacato non ha clienti, a cui concedere o far concedere favori quotidiani;il mio sindacato è dei lavoratori,senza discriminazioni,tutti con eguali diritti;il mio sindacato non frequenta le stanze dei padroni postali per scambiare i diritti con le concessioni amichevoli e con i privilegi ai propri apparati;il mio sindacato non firma contratti nei quali si allea con il padrone per dare sanzioni disciplinari, per far lavorare di notte,di festa, a tutte le ore, negare le ferie,umiliare i malati … sostituire il salario con i premi, cancellare le pensioni,eliminare la scala mobile, limitare la democrazia;il mio sindacato odia la precarietà ed ha da sempre lottato per consentire ai precari il diritto al lavoro stabile,contro gli accordi di ieri e di oggi,sostenendone tutte le cause in tutta Italia;il mio sindacato non ha sposato la privatizzazione del servizio pubblico in nome del profitto e del mercato;il mio sindacato lotta per la pace ovunque, lotta per “distribuire diversamente la ricchezza”ovunque!Non confondere e non lasciarti confondere.Il suo nome è CobasPT Cub-USB


  • La sede nazionale, con tutte le funzioni centrali, è in Milano 20131, via Teodosio  n.  9. Il  telefono  02 2663474  è disponibile prevalentemente come fax.
  • La sede di Palermo è in via San Lorenzo n. 200 al 6° piano ed il responsabile è Caruana Alfonso telefono  3711814775.
  • La sede di Brindisi è a disposizione per Puglia-Basicata e Molise ed il responsabile è Astro Salvatore  telefono  3200219020.
  • Sui  territori, ove vi sono sedi CUB e/o USB, le confederazioni con cui collaboriamo, ogni nostro operatore può trovare ospitalità e agibilità per gli impegni locali, oltre alle assistenze di carattere istituzionale, tipiche delle organizzazioni sindacali.
Sede Nazionale: Via Teodosio, 9 - 20131 MILANO Tel/Fax 02-2663474 E-mail:cobaspt@tiscali.it - www.cobasptcub.it C.F. 97116840154 Italia Viva? - ormai si è persa anche la decenza .
Powered by Joomla 1.7 Templates
webcreator by CONTEROSSO76