La foglia di fico dell'articolo 18

Stampa
AddThis Social Bookmark Button

Ormai siamo alle repliche.


La questione articolo 18 torna a riempire le prime pagine dei giornali con una ciclicità neanche tanto sorprendente ogni qual volta ci sia da alzare un polverone capace di nascondere le vere intenzioni dei vari governi che, a più riprese, ci hanno messo mano da una decina di anni a questa parte. Sembra come il gol annullato a Turone in un Juve-Roma di tanti anni fa che ogni volta che viene tirato fuori e' capace di riaccendere gli animi e suscitare contrasti durissimi.

 

In verità anche questa volta la vicenda ha a che vedere con la nostra totale sudditanza all'Unione Europea, alla BCE e al FMI che non solo hanno subito mandato un loro cenno di gradimento, ma hanno di fatto subordinato la ipotetica concessione di qualche possibilità di flessibilità economica all'aumento ulteriore della flessibilità del lavoro.

 

Quindi la definitiva aggressione all'articolo 18 e' un po' di polvere negli occhi degli italiani per nascondere la enorme distanza tra le roboanti affermazioni di indipendenza dall'Unione Europea e la triste  e fredda realtà dei fatti.

 

Renzi non ottiene assolutamente nulla in Europa sul piano della flessibilità economica e deve smantellare tutta la normativa sul lavoro per ridurre i lavoratori a sudditi come chiedono le istituzioni del capitale internazionale ed europeo.

 

Sul piano sindacale, che oggi promette sfracelli, c'è semplicemente da sottolineare che quando si sono massacrati gli ammortizzatori sociali, quando si è introdotto l'apprendistato a vita, quando si è reso acausale l'utilizzo dei contratti precari, quando la disoccupazione ha raggiunto livelli sconosciuti, quando si smantellano sanità scuola e previdenza  e previdenza pubblica, si massacra la democrazia nei luoghi di lavoro non si è alzato nemmeno un sopracciglio per dire che forse il progetto del capitale andrebbe robustamente contrastato davvero con tutto quello che il movimento dei lavoratori e' ancora capace di mettere in campo.

 

La questione dell'articolo 18 assume quindi il carattere simbolico dello scontro tra un sindacato che si è fatto per decenni "facilitatore" dei processi di accompagnamento degli interessi di impresa e che oggi viene messo alla porta perché arnese inservibile e per di più costoso - a tal proposito brilla la contemporaneità tra la querelle sull'articolo 18 e il varo in consiglio dei ministri della riduzione di fatto del ruolo dei CAF - e un governo che, come pochi altri, ha deciso di sfruttare le condizioni mai realizzate prima di avere di fronte un sindacato definitivamente e irreversibilmente inutile per obbedire ai diktat delle istituzioni europee.

 

La noiosa e stantia contrapposizione tra chi un lavoro c'è l'ha e chi, grazie al prevalere del dominio del capitale, sarà condannato a vita alla precarietà e alla povertà nasconde una sola verità, quella che tutti, ma proprio tutti, dovranno avere lo stesso futuro, un futuro di povertà e sottomissione a cui noi non ci rassegniamo.

 

Non basterà costruire con tutto il sindacalismo alternativo uno o più scioperi generali e di settore come pure faremo nelle prossime settimane,  non sarà sufficiente costruire momenti di collegamento delle lotte con gli altri spezzoni della precarietà sociale come pure faremo, quello che già serve e che servirà ancora di più nel prossimo futuro e' il rafforzamento e la crescita del sindacato di classe, indipendente e conflittuale, quello che serve davvero e che ne' Renzi ne' l'Unione Europea potranno mai avere a libro paga.

USB - Unione Sindacale di Base - Federazione Provinciale di Salerno
www.usb.it - www.salerno.usb.it
Via Giuseppe Centola, 6 - 84127 Salerno
tel/fax: 089.2964121 - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy Policy

Gli applicativi software utilizzati possono contenere la tecnologia “cookie”. I cookies hanno principalmente la funzione di agevolare la navigazione da parte dell’utente. I cookies potranno fornire informazioni sulla navigazione all’interno del Sito e permettere il funzionamento di alcuni servizi che richiedono l’identificazione del percorso dell’utente attraverso diverse pagine del Sito. I cookies presenti negli applicativi software utilizzati sono di tipo anonimo e non sono riconducibili ai dati personali dell’utente. Per qualsiasi accesso al portale indipendentemente dalla presenza di un cookie, vengono registrati il tipo di browser (es. Internet Explorer, Netscape), il sistema operativo (es. Macintosh, Windows), l’host e l’URL di provenienza del visitatore, oltre ai dati sulla pagina richiesta. L’utente ha comunque modo di impostare il proprio browser in modo da essere informato quando ricevete un cookie e decidere in questo modo di eliminarlo. Ulteriori informazioni sui cookies sono reperibili sui siti web dei forniti di browser.

  Il m Tali sedi sono reperibili sui rispettivi siti: www.CUB.it e www.USB.it . io sindacato non ha un nome “comune”, come gli altri (CGIL,CISL,UIL,FAILP,SAILP,UGL);il mio sindacato è aperto,tutti possono entrarvi senza permessi speciali e senza dazio;tutti possono uscire liberamente;il mio sindacato non ha clienti, a cui concedere o far concedere favori quotidiani;il mio sindacato è dei lavoratori,senza discriminazioni,tutti con eguali diritti;il mio sindacato non frequenta le stanze dei padroni postali per scambiare i diritti con le concessioni amichevoli e con i privilegi ai propri apparati;il mio sindacato non firma contratti nei quali si allea con il padrone per dare sanzioni disciplinari, per far lavorare di notte,di festa, a tutte le ore, negare le ferie,umiliare i malati … sostituire il salario con i premi, cancellare le pensioni,eliminare la scala mobile, limitare la democrazia;il mio sindacato odia la precarietà ed ha da sempre lottato per consentire ai precari il diritto al lavoro stabile,contro gli accordi di ieri e di oggi,sostenendone tutte le cause in tutta Italia;il mio sindacato non ha sposato la privatizzazione del servizio pubblico in nome del profitto e del mercato;il mio sindacato lotta per la pace ovunque, lotta per “distribuire diversamente la ricchezza”ovunque!Non confondere e non lasciarti confondere.Il suo nome è CobasPT Cub-USB


  • La sede nazionale, con tutte le funzioni centrali, è in Milano 20131, via Teodosio  n.  9. Il  telefono  02 2663474  è disponibile prevalentemente come fax.
  • La sede di Palermo è in via San Lorenzo n. 200 al 6° piano ed il responsabile è Caruana Alfonso telefono  3711814775.
  • La sede di Brindisi è a disposizione per Puglia-Basicata e Molise ed il responsabile è Astro Salvatore  telefono  3200219020.
  • Sui  territori, ove vi sono sedi CUB e/o USB, le confederazioni con cui collaboriamo, ogni nostro operatore può trovare ospitalità e agibilità per gli impegni locali, oltre alle assistenze di carattere istituzionale, tipiche delle organizzazioni sindacali.
Sede Nazionale: Via Teodosio, 9 - 20131 MILANO Tel/Fax 02-2663474 E-mail:cobaspt@tiscali.it - www.cobasptcub.it C.F. 97116840154 La foglia di fico dell'articolo 18.
Powered by Joomla 1.7 Templates
webcreator by CONTEROSSO76