Stipendi milionari per i dirigenti delle Poste

Stampa
AddThis Social Bookmark Button

http://www.manageronline.it/articoli/vedi/11758/stipendi-milionari-per-i-dirigenti-delle-poste/

Stipendi milionari per i dirigenti delle Poste

Compensi e buonuscita da capogiro per i dirigenti di Poste Italiane: il monito della Corte dei Conti.

I dirigenti di Poste Italiane "costano troppo": la Corte dei Conti ammonisce l'azienda, pronta a fare il suo ingresso in borsa, sottolineando come gli stipendi percepiti dalle figure apicali siano eccessivi, tanto da aver pesato enormemente sul bilancio 2013.

 => Le aziende più generose con i manager

Esaminando le cifre di due esercizi fa, infatti, la Corte dei Conti evidenzia come il costo del personale dirigente si sia attestato complessivamente a 150 milioni, mostrando una crescita del 12,3% rispetto all'anno precedente:

 «Esso costituisce il 2,5% del complessivo costo del lavoro.»

 Un esborso ritenuto superiore al consentito, tanto che l'incremento relativo al 2013 riguarda sia le competenze fisse (con una crescita del 4,1%), sia le competenze accessorie e i compensi incentivanti (l'aumento è stato pari al 18,4%).

 => Stipendi dei manager fermi al 2010

 I magistrati contabili, inoltre, evidenziano anche un certo ritardo per quanto concerne la normativa antiriciclaggio, auspicando un intervento decisivo. Ad apparire poco idonea, inoltre, è stata la ricca buonuscita concessa all'AD uscente Massimo Sarmi, corrispondente a a cinque annualità.

 ========================================================================

Qui, altre notizie interessanti:

http://www.ilpostale.it/ILPOSTALE709.htm

http://www.repubblica.it/economia/finanza/2015/03/06/news/la_corte_dei_conte_a_poste_stipendi_dei_dirigenti_troppo_alti_per_sarmi_buonuscita_milionaria-108934003/

La Corte dei Conte a Poste: stipendi dei dirigenti troppo alti. Per Sarmi buonuscita milionaria

La relazione dei magistrati contabili sottolinea come nel bilancio 2013 sia aumentato il costo dei dirigenti. Ricostruita la separazione dall'ex numero uno. In vista dello sbarco in Borsa occorre "rilanciare i servizi postali" per contrastare il calo delle lettere

06 marzo 2015

La Corte dei Conte a Poste: stipendi dei dirigenti troppo alti. Per Sarmi buonuscita milionariaFrancesco Caio, l'ad di Poste Italiane che porterà l'azienda in Borsa (fotogramma)

MILANO - Le Poste Italiane, la prossima azienda pubblica destinata al mercato, dovrebbero fare attenzione a quanto pagano i loro dirigenti. E' una delle indicazioni che emerge dalla relazione della Corte dei Conti al bilancio del 2013, dalla quale si apprende anche come si è risolta la fuoriuscita dell'ex numero uno Massimo Sarmi: con cinque annualità tra indennizzo e incentivo all'uscita.

Stipendi. Nel paragrafo dedicato al "costo del personale dirigente", i magistrati contabili appuntano che questo "merita attenta considerazion", visto che "registra un significativo incremento per il 2013 sia per le competenze fisse (+4,1%) che per le competenze accessorie (+18,4%), comprensive dei compensi incentivanti". Si tratta di dati ormai relativi a due esercizi fa, ma la Corte ricorda d'altra parte che essendo le Poste "assimilate alle società quotate, non hanno applicato alle retribuzioni dei dirigenti le disposizioni limitative" in vigore dal 2011. Tema sul quale si è poi tornati con il decreto del Fare. Tornando alla Corte, questa riassume la situazione del 2013: "Il costo del personale dirigente si attesta a complessivi 150 milioni, in crescita del 12,3% rispetto al trascorso esercizio. Esso costituisce il 2,5% del complessivo costo del lavoro".

L'addio a Sarmi. Si ricostruisce anche l'addio dell'ex numero uno, al cui posto è poi subentrato Caio. L'uscita di Sarmi è stata accompagnata da quattro annualità a titolo di incentivo e un'altra come indennità per il mancato rinnovo del rapporto di amministrazione. Si alza così il velo sull'accordo per la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro con l'ex amministratore delegato che ha lasciato la società a maggio e ha chiuso il rapporto di lavoro con poste italiane al 31 luglio. Sarmi nel 2013 era il manager di stato più pagato con uno stipendio lordo di 1,56 milioni (1.185.000 Come amministratore delegato e 378mila come direttore generale). La relazione rivela anche che l'azionista Ministero dell'Economia aveva raccomandato al cda orientamenti "improntati al massimo rigore". Poste Italiane ha versato anche 30mila euro agli avvocati di sarmi come contributo per le spese legali nella definizione dell'accordo.

Rilanciare i servizi postali. In vista della quotazione, i magistrati contabili dicono che per le Poste "appare necessario operare un rilancio dell'area dei servizi postali, contrastando il forte declino della corrispondenza tradizionale, il cui servizio dovrebbe comunque essere reso ai massimi livelli di efficienza, con interventi più promettenti quali il servizio di raccolta e consegna dei pacchi sul territorio". La contrazione dei volumi e dei ricavi della corrispondenza tradizionale che, secondo le previsioni di poste, ridurranno la redditività 2014 - scrivono i magistrati contabili nel rapporto sull'esercizio 2013 - assieme al progetto di quotazione in borsa - "postulano un rafforzamento dell'azienda per una costante crescita e un deciso miglioramento della qualità dei servizi tale da assicurare la piena soddisfazione della clientela".

=============================================================================

http://www.borsaitaliana.it/borsa/notizie/radiocor/finanza/dettaglio/nRC_06032015_1629_372597836.html

Poste: Corte dei Conti, cinque annualita' la buonuscita di Sarmi

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Roma, 06 mar - Quattro annualita' a titolo di incentivo e un'altra come indennita' per il mancato rinnovo del rapporto di amministrazione. La relazione della Corte dei Conti sul bilancio 2013 di Poste Italiane alza il velo sull'accordo per la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro con l'ex amministratore delegato Massimo Sarmi che ha lasciato la societa' a maggio, sostituito dal nuovo top manager Francesco Caio, e ha chiuso il rapporto di lavoro con Poste Italiane al 31 luglio. Sarmi nel 2013 era il manager di Stato piu' pagato con uno stipendio lordo di 1,56 milioni (1.185.000 come amministratore delegato e 378mila come direttore generale). La relazione rivela che l'azionista ministero dell'Economia aveva raccomandato al cda orientamenti "improntati al massimo rigore". Poste Italiane ha versato anche 30mila euro agli avvocati di Sarmi come contributo per le spese legali nella definizione dell'accordo.

===========================================================================

 http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/economia/poste-c-conti-6-mln-per-addio-a-sarmi-no798901/

 Poste: C.Conti, 6 mln per addio a Sarmi

In 2013 compenso come a.d. oltre 1,18 milioni

(ANSA) - ROMA, 6 MAR - Per l'addio all'amministratore delegato, Massimo Sarmi, Poste Italiane ha pagato circa 6 milioni di euro.

E' quanto si evince dalla relazione della Corte dei Conti sul bilancio 2013 della società.

L'accordo per la risoluzione del rapporto di lavoro con l'ex ad prevede infatti a titolo di incentivo all'esodo un importo lordo pari a 4 annualità e a titolo di indennità per il mancato rinnovo un importo lordo pari a un'annualità.

Nel 2013 il compenso di Sarmi come a.d.è stato di oltre 1,18 milioni.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy Policy

Gli applicativi software utilizzati possono contenere la tecnologia “cookie”. I cookies hanno principalmente la funzione di agevolare la navigazione da parte dell’utente. I cookies potranno fornire informazioni sulla navigazione all’interno del Sito e permettere il funzionamento di alcuni servizi che richiedono l’identificazione del percorso dell’utente attraverso diverse pagine del Sito. I cookies presenti negli applicativi software utilizzati sono di tipo anonimo e non sono riconducibili ai dati personali dell’utente. Per qualsiasi accesso al portale indipendentemente dalla presenza di un cookie, vengono registrati il tipo di browser (es. Internet Explorer, Netscape), il sistema operativo (es. Macintosh, Windows), l’host e l’URL di provenienza del visitatore, oltre ai dati sulla pagina richiesta. L’utente ha comunque modo di impostare il proprio browser in modo da essere informato quando ricevete un cookie e decidere in questo modo di eliminarlo. Ulteriori informazioni sui cookies sono reperibili sui siti web dei forniti di browser.

  Il m Tali sedi sono reperibili sui rispettivi siti: www.CUB.it e www.USB.it . io sindacato non ha un nome “comune”, come gli altri (CGIL,CISL,UIL,FAILP,SAILP,UGL);il mio sindacato è aperto,tutti possono entrarvi senza permessi speciali e senza dazio;tutti possono uscire liberamente;il mio sindacato non ha clienti, a cui concedere o far concedere favori quotidiani;il mio sindacato è dei lavoratori,senza discriminazioni,tutti con eguali diritti;il mio sindacato non frequenta le stanze dei padroni postali per scambiare i diritti con le concessioni amichevoli e con i privilegi ai propri apparati;il mio sindacato non firma contratti nei quali si allea con il padrone per dare sanzioni disciplinari, per far lavorare di notte,di festa, a tutte le ore, negare le ferie,umiliare i malati … sostituire il salario con i premi, cancellare le pensioni,eliminare la scala mobile, limitare la democrazia;il mio sindacato odia la precarietà ed ha da sempre lottato per consentire ai precari il diritto al lavoro stabile,contro gli accordi di ieri e di oggi,sostenendone tutte le cause in tutta Italia;il mio sindacato non ha sposato la privatizzazione del servizio pubblico in nome del profitto e del mercato;il mio sindacato lotta per la pace ovunque, lotta per “distribuire diversamente la ricchezza”ovunque!Non confondere e non lasciarti confondere.Il suo nome è CobasPT Cub-USB


  • La sede nazionale, con tutte le funzioni centrali, è in Milano 20131, via Teodosio  n.  9. Il  telefono  02 2663474  è disponibile prevalentemente come fax.
  • La sede di Palermo è in via San Lorenzo n. 200 al 6° piano ed il responsabile è Caruana Alfonso telefono  3711814775.
  • La sede di Brindisi è a disposizione per Puglia-Basicata e Molise ed il responsabile è Astro Salvatore  telefono  3200219020.
  • Sui  territori, ove vi sono sedi CUB e/o USB, le confederazioni con cui collaboriamo, ogni nostro operatore può trovare ospitalità e agibilità per gli impegni locali, oltre alle assistenze di carattere istituzionale, tipiche delle organizzazioni sindacali.
Sede Nazionale: Via Teodosio, 9 - 20131 MILANO Tel/Fax 02-2663474 E-mail:cobaspt@tiscali.it - www.cobasptcub.it C.F. 97116840154 Stipendi milionari per i dirigenti delle Poste.
Powered by Joomla 1.7 Templates
webcreator by CONTEROSSO76