COMUNICATO STAMPA iNCONTRO PUBBLICO "CONTRO TTiP" 12 MAGGIO a Novara

Stampa
AddThis Social Bookmark Button

COMUNICATO STAMPA

CONTRO IL TTIP

 

Martedì 12 maggio si è tenuto a Novara un affollato incontro pubblico dal titolo “Fermiamo il  Trattato di libero scambio UE – USA”, con la partecipazione di Alessandra Algostino, docente di diritto costituzionale comparato all’Università degli Studi di Torino, Ivo Orrù del Comitato Stop TTIP Milano e Paola Palmieri dell’esecutivo nazionale USB dipartimento internazionale, introduzione di Norberto Breccia di USB Novara.

Le relazioni e i molti interventi hanno evidenziato i gravi rischi e ripercussioni che sono previsti dall’accordo di libero scambio tra i due continenti (UE ed USA), peraltro tenuto parzialmente secretato.

E’ stato evidenziato come l’obbiettivo dichiarato del TTIP sia quello di costruire la più grande area di libero scambio al mondo attraverso l' eliminazione delle barriere tariffarie che ancora limitano i flussi commerciali tra Usa ed Europa, rimuovere gli ostacoli esistenti  per facilitare acquisto e vendita di beni e servizi tra i due continenti, pur tuttavia, essendo già ridotte all’osso le barriere economiche (“dazi”) ed essendo per ora esclusi i sevizi finanziari da tale trattato, il citato abbattimento si tradurrebbe in un abbattimento delle tutele al lavoro ed alla salute. In Italia sono coinvolti, in particolare, il settore agricolo, industriale ed i servizi pubblici.

L’ abbattimento dei regolamenti porterebbe quindi all’inevitabile degrado dei livelli di salute dell’ambiente, alla cancellazione del diritto alla salute e del sistema sanitario, quello all’istruzione e al lavoro buono, in sintesi, verrebbero cancellate  norme europee di salvaguardia dell’ambiente, della salute, dei diritti del lavoro a favore di quelle degli stati Uniti.

I relatori, hanno rimarcato come primo blocco di diritti ad essere minacciato e' quello alla protezione del lavoro.
In discussione c’è l’ipotesi di come cancellare definitivamente i diritti del lavoro già pesantemente attaccati dai recenti governi, in Italia - basta pensare al jobsact - adeguando il nostro paese alla normativa americana " rights to works"  definito dai sindacati americani Anti Union- Act. La sostanza sarebbe una nuova e più accanita concorrenza a ribasso tra i lavoratori sui loro diritti e retribuzioni.

Gravissime conseguenze e pericoli  si avrebbero sulla sostenibilità ambientale, a partire, ad esempio, dalla tecnica (fracking)  estrattiva gas di scisto che negli USA  richiede  l' uso di una procedura ferale per le falde acquifere ed il suolo sottostante i giacimenti e le zone limitrofe. Si spalancherebbero le porte dell' Europa ( Polonia, Danimarca e Francia sono  regioni ricche di questo gas) alle imprese americane del settore e altre conseguenze si avrebbero riguardo all'importazione e all'uso degli Ogm e delle carni trattate con ormoni o sterilizzate con cloro-derivati, in Europa non consentite.
Un altro aspetto interessante evidenziato è quello che col trattato le imprese avrebbero la possibilità, qualora si volessero opporre ad una regolamentazione statale o comunitaria troppo severa, di rivolgersi ad un organismo arbitrale terzo, di natura privata, l’ISDS (Investor State Dispute Settlement). Avrebbero così  un potente strumento per contrastare politiche e leggi divergenti dalle loro strategie aziendali, strumento che addirittura permetterebbe, come già avvenuto, di infliggere multe a Stati su richiesta di multinazionali.
E’ stata unanime e condivisa la necessità di contrastare con una mobilitazione a tutto campo il trattato, ma anche le politiche economiche e sociali perseguite dall’Unione Europea che stanno “affamando” i paesi membri e perseguendo la definitiva distruzione del Welfare a favore degli interessi dei gruppi finanziari e delle grandi imprese per mantenere e, anzi, accrescere, il controllo sulle condizioni sociali e materiali delle popolazioni per salvaguardare i profitti.

I partecipanti si sono impegnati ad invitare a far  sottoscrivere la petizione per chiedere alla Commissione Europea l’immediato arresto delle trattative sul TTIP. Una  raccolta di firme che prosegue intercettando il crescente consenso dell’opinione pubblica sul tema, con l’intento di arrivare ai  2 milioni entro i prossimi mesi , con firme ad oggi raccolte di  oltre un milione e 700 mila cittadini europei. E’ sempre più dimostrabile, quindi, che l’attuale modello di Unione Europea sia incompatibile con la democrazia di fatto e che quest’ultima sia incompatibile con il capitalismo.
In conclusione i relatori ed i partecipanti hanno evidenziato la possibilità di ottenere un successo nell’arrestare le trattative sul TTIP in quanto in atto vi è uno scontro tra poteri imperialisti che potrebbe concludersi con un nulla di fatto, per questo hanno altresì richiamato la necessità e la possibilità di contrastare le politiche governative, di mera esecuzione dei diktat imposti dalla Commissione Europea, nelle già gravi condizioni economiche e sociali e nelle sue ulteriori e continue coerenti linee anche attraverso la ripresa del conflitto sindacale e sociale, partecipando e unendo le tante iniziative di contrasto territoriali e generali.

 

USB Federazione Provinciale di Novara

 

USB FEDERAZIONE  PROVINCIALE  di NOVARA

Via Goito 5, 28100  Novara - tel. e fax 0321/628053  e-mail:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy Policy

Gli applicativi software utilizzati possono contenere la tecnologia “cookie”. I cookies hanno principalmente la funzione di agevolare la navigazione da parte dell’utente. I cookies potranno fornire informazioni sulla navigazione all’interno del Sito e permettere il funzionamento di alcuni servizi che richiedono l’identificazione del percorso dell’utente attraverso diverse pagine del Sito. I cookies presenti negli applicativi software utilizzati sono di tipo anonimo e non sono riconducibili ai dati personali dell’utente. Per qualsiasi accesso al portale indipendentemente dalla presenza di un cookie, vengono registrati il tipo di browser (es. Internet Explorer, Netscape), il sistema operativo (es. Macintosh, Windows), l’host e l’URL di provenienza del visitatore, oltre ai dati sulla pagina richiesta. L’utente ha comunque modo di impostare il proprio browser in modo da essere informato quando ricevete un cookie e decidere in questo modo di eliminarlo. Ulteriori informazioni sui cookies sono reperibili sui siti web dei forniti di browser.

  Il m Tali sedi sono reperibili sui rispettivi siti: www.CUB.it e www.USB.it . io sindacato non ha un nome “comune”, come gli altri (CGIL,CISL,UIL,FAILP,SAILP,UGL);il mio sindacato è aperto,tutti possono entrarvi senza permessi speciali e senza dazio;tutti possono uscire liberamente;il mio sindacato non ha clienti, a cui concedere o far concedere favori quotidiani;il mio sindacato è dei lavoratori,senza discriminazioni,tutti con eguali diritti;il mio sindacato non frequenta le stanze dei padroni postali per scambiare i diritti con le concessioni amichevoli e con i privilegi ai propri apparati;il mio sindacato non firma contratti nei quali si allea con il padrone per dare sanzioni disciplinari, per far lavorare di notte,di festa, a tutte le ore, negare le ferie,umiliare i malati … sostituire il salario con i premi, cancellare le pensioni,eliminare la scala mobile, limitare la democrazia;il mio sindacato odia la precarietà ed ha da sempre lottato per consentire ai precari il diritto al lavoro stabile,contro gli accordi di ieri e di oggi,sostenendone tutte le cause in tutta Italia;il mio sindacato non ha sposato la privatizzazione del servizio pubblico in nome del profitto e del mercato;il mio sindacato lotta per la pace ovunque, lotta per “distribuire diversamente la ricchezza”ovunque!Non confondere e non lasciarti confondere.Il suo nome è CobasPT Cub-USB


  • La sede nazionale, con tutte le funzioni centrali, è in Milano 20131, via Teodosio  n.  9. Il  telefono  02 2663474  è disponibile prevalentemente come fax.
  • La sede di Palermo è in via San Lorenzo n. 200 al 6° piano ed il responsabile è Caruana Alfonso telefono  3711814775.
  • La sede di Brindisi è a disposizione per Puglia-Basicata e Molise ed il responsabile è Astro Salvatore  telefono  3200219020.
  • Sui  territori, ove vi sono sedi CUB e/o USB, le confederazioni con cui collaboriamo, ogni nostro operatore può trovare ospitalità e agibilità per gli impegni locali, oltre alle assistenze di carattere istituzionale, tipiche delle organizzazioni sindacali.
Sede Nazionale: Via Teodosio, 9 - 20131 MILANO Tel/Fax 02-2663474 E-mail:cobaspt@tiscali.it - www.cobasptcub.it C.F. 97116840154 COMUNICATO STAMPA iNCONTRO PUBBLICO "CONTRO TTiP" 12 MAGGIO a Novara.
Powered by Joomla 1.7 Templates
webcreator by CONTEROSSO76