Precari di Poste Italiane - PCL : La relazione dell’ Amministratore delegato di Poste Italiane, Del Fante, in audizione alla Camera, non ci ha soddisfatto.

Stampa
AddThis Social Bookmark Button

La relazione dell’ Amministratore delegato di Poste Italiane, Del Fante, in audizione alla Camera, non ci ha soddisfatto.
Ecco perché, insieme al deputato Andrea Caso, abbiamo richiesto chiarimenti, inviando una lettera ai vertici di Poste Italiane,con quesiti precisi e dettagliati, circa il piano aziendale occupazionale per ogni provincia.
Speriamo seguano risposte altrettanto specifiche.
È solo l’inizio di una battaglia non ancora terminata.
Vigileremo affinché vengano soddisfatte tutte le nostre aspettative per la tutela dei diritti di tutti i lavoratori.

“La relazione dell’Amministratore delegato di Poste Italiane, Del Fante, in audizione alla Camera, per quanto ampia e con riferimenti alla stabilizzazione dei lavoratori, politiche attive e futuri obiettivi aziendali, non mi ha soddisfatto”, è il commento di Andrea Caso, Portavoce alla Camera del MoVimento 5 Stelle, che torna sull’argomento lavoratori postali, rassicurandoli che “la battaglia non è terminata con l’audizione del 18 settembre scorso ma continua entrando ora nel vivo”.
Componente della VI Commissione Permanente della Camera, il deputato campano fa sapere che resta in attesa “di ricevere i chiarimenti richiesti” inoltre “con Francesco Vanin dello staff del Ministro Di Maio, da lui preposto alle crisi aziendali, ed in accordo con il Sottosegretario al Mef, Villarosa abbiamo inviato una lettera con quesiti precisi ed ineludibili per i vertici di Poste Italiane, a cui speriamo seguano risposte altrettanto precise, riservandoci nuove iniziative istituzionali laddove il grado di riscontro non fosse adeguato alle nostre aspettative. Vigileremo affinché Poste garantisca parità di trattamento tra tutti i lavoratori di ogni ordine e grado e senza discriminazioni”.
“Abbiamo formulato una lettera, tecnicamente dettagliata circa il piano aziendale occupazionale per ogni provincia, - continua Caso - invitandoli ad entrare nel merito delle decisioni che intendono intraprendere per il superamento del precariato e le modalità sui trasferimenti, tanto attesi”.
Il timore dei lavoratori, circa 30mila, è che, l’allarme raccolto nella primavera scorsa dal deputato pentastellato fosse rientrato, con il sipario calato sulle diverse situazioni che li riguardano, dai contratti alla mobilità, in particolare i trasferimenti da nord a sud per stare vicino ai propri cari dopo lunghi periodi di lontananza. Andrea Caso, tiene invece di precisare che “non è stato ancora messo il punto a tutta la problematica su cui l’Azienda deve fare chiarezza considerato che Poste Italiane è una partecipata del Mef e di Cassa Deposti e Prestiti”.
l’esponente del Gruppo parlamentare del M5S conta dalla sua parte due atti parlamentari rivolti al Ministero dell’Economia e Finanze sui lavoratori postali nonché diverse riunioni tra il Ministero dello Sviluppo Economico ed il Lavoro per fare chiarezza sulle proroghe ai contratti interni.
“Nella lettera, abbiamo chiesto tra le altre cose – conclude Caso, più motivato che mai - “di acquisire il numero di dipendenti splittati per regione e provincia, tipologia di contratto applicato, mansione, il piano di riorganizzazione del personale per provincia, tempistiche, numero dipendenti per i quali si prevede passaggio da part time a full time, posizioni occupate da CTD, numero nuove assunzioni previste, numero lavoratori che hanno chiesto trasferimento per avvicinamento ai luoghi d’origine, quanti trasferimenti approvati e tempistiche, quanti contratti CTD sono in scadenza e quando”.
Ed è di qualche giorno fa la rassicurazione dell’azienda pervenuta tramite il Mise che le risposte sarebbero in dirittura d’arrivo.
Tra le indiscrezioni degli ultimi giorni riferite al parlamentare facente parte anche della Commissione Finanze della Camera dei Deputati ci sarebbe che, in relazione alla introduzione della norma transitoria in applicazione del decreto dignità del 13 luglio 2018, tutti i contratti stipulati prima del 14 luglio sarebbero rinnovati (se cessati) o prorogati se in scadenza il 31 ottobre. Per i contratti stipulati dopo il 13 luglio varrebbe la regola dei 12 mesi massimo di permanenza. Sia i contratti stipulati dopo il 13 luglio 2018 che quelli rinnovati/prorogati entro il 31 ottobre sarebbero sottoposti alla normativa prevista dal decreto dignità, che, fissa il limite alle proroghe per favorire il passaggio per il lavoratore da precario ad assunto.

https://m.facebook.com/PrecariPoste/posts/1009661592569421

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy Policy

Gli applicativi software utilizzati possono contenere la tecnologia “cookie”. I cookies hanno principalmente la funzione di agevolare la navigazione da parte dell’utente. I cookies potranno fornire informazioni sulla navigazione all’interno del Sito e permettere il funzionamento di alcuni servizi che richiedono l’identificazione del percorso dell’utente attraverso diverse pagine del Sito. I cookies presenti negli applicativi software utilizzati sono di tipo anonimo e non sono riconducibili ai dati personali dell’utente. Per qualsiasi accesso al portale indipendentemente dalla presenza di un cookie, vengono registrati il tipo di browser (es. Internet Explorer, Netscape), il sistema operativo (es. Macintosh, Windows), l’host e l’URL di provenienza del visitatore, oltre ai dati sulla pagina richiesta. L’utente ha comunque modo di impostare il proprio browser in modo da essere informato quando ricevete un cookie e decidere in questo modo di eliminarlo. Ulteriori informazioni sui cookies sono reperibili sui siti web dei forniti di browser.

 Il mio sindacato non ha un nome “comune”, come gli altri (CGIL,CISL,UIL,FAILP,SAILP,UGL);il mio sindacato è aperto,tutti possono entrarvi senza permessi speciali e senza dazio;tutti possono uscire liberamente;il mio sindacato non ha clienti, a cui concedere o far concedere favori quotidiani;il mio sindacato è dei lavoratori,senza discriminazioni,tutti con eguali diritti;il mio sindacato non frequenta le stanze dei padroni postali per scambiare i diritti con le concessioni amichevoli e con i privilegi ai propri apparati;il mio sindacato non firma contratti nei quali si allea con il padrone per dare sanzioni disciplinari, per far lavorare di notte,di festa, a tutte le ore, negare le ferie,umiliare i malati … sostituire il salario con i premi, cancellare le pensioni,eliminare la scala mobile, limitare la democrazia;il mio sindacato odia la precarietà ed ha da sempre lottato per consentire ai precari il diritto al lavoro stabile,contro gli accordi di ieri e di oggi,sostenendone tutte le cause in tutta Italia;il mio sindacato non ha sposato la privatizzazione del servizio pubblico in nome del profitto e del mercato;il mio sindacato lotta per la pace ovunque, lotta per “distribuire diversamente la ricchezza”ovunque!Non confondere e non lasciarti confondere.Il suo nome è CobasPT Cub-USB


  • La Sede Nazionale, con tutte le funzioni centrali, è in MILANO 20131, via Teodosio n. 9. Il telefono 02 2663474 è disponibile prevalentemente come fax; per le emergenze, contattare il n. di cellulare 3394903262Di seguito i riferimenti operativiMauro, 3290813704 (DELEGHE e RAPPORTI TERRITORIALI); Roberto, 3405693585 (RELAZIONI con i LAVORATORI per PRATICHE AMMINISTRATIVE); Fefé, 3336597330 (PRATICHE DISCIPLINARI); Lara, 3332742031 (SETTORE RECAPITO); Stefania, 3389948781 (CONTABILITA' di CASSA); Manuel, 3518301138 (PRATICHE LEGALI GENERICHE); Paolo, 3355479286 (COLLABORAZIONI INTERNE); Mirella, 3331631979 (CAF e INFORMAZIONI BUSTA PAGA); Sonia, 3278249910 (RAPPORTI STAMPA ed ISTITUZIONALI).
  • Responsabile della Sicilia è Falzone Michelangelo, via R. Sanzio n. 12, Agrigento. Cellulare 333 2420260 
  • La sede di Brindisi è a disposizione per PUGLIA - BASILICATA - MOLISE. Il  referente  è  Astro Salvatore. Cellulare  3200219020.
  • Sui territori ove vi sono sedi CUB e/o USB - le confederazioni con cui collaboriamo - ogni nostro operatore può trovare ospitalità e agibilità per gli impegni locali, oltre alle assistenze di carattere istituzionale tipiche delle organizzazioni sindacali.
  • Tali sedi sono reperibili  sui rispettivi siti: www.CUB.it  e  www.USB.it.

 

Sede Nazionale: Via Teodosio, 9 - 20131 MILANO Tel/Fax 02-2663474 E-mail:cobaspt@tiscali.it - www.cobasptcub.it C.F. 97116840154 Precari di Poste Italiane - PCL : La relazione dell’ Amministratore delegato di Poste Italiane, Del Fante, in audizione alla Camera, non ci ha soddisfatto..
Powered by Joomla 1.7 Templates
webcreator by CONTEROSSO76