AddThis Social Bookmark Button

 

La stagione è nera… anche per la vicenda dei contratti a termine di Poste Italiane SpA, che questa Organizzazione Sindacale testardamente porta all’esame dei tribunali.

Poste Italiane SpA, infatti, assumono sempre e ovunque mano d’opera precaria: un mese, tre mesi, qual cosina in più per i meno anonimi.

La norma che regola la materia (D.Lgs 368/01 -  in specie art.2 comma 1 bis ), dopo varie sentenze interpretative, anche di matrice europea, protegge purtroppo la società quasi in termini assoluti.

I pochi spazi vengono da noi esplorati con i nostri legali.

Ma troviamo – incredibile dictu -  nuovi giudici che si dilettano in argomentazioni sul filo del rasoio, pur di dar ragione al padrone:

a)      Per i vecchi contratti, inventano la figura giuridica del “mutuo consento”… affermando che se l’interessato ha impugnato con notevole ritardo (pur se nei termini prescrizionali!) il proprio contratto, vuol dire che ne era d’accordo.

SIC!

b)      Adottano una interpretazione restrittiva dell’art.32 del famigerato “collegato lavoro” ( L.183/10 ),consente loro di dichiarare la decadenza dal diritto all’impugnativa.

c)       Sulla questione del 15%...., i giudici si accontentano delle dichiarazioni probatorie avversarie, senza impegnarsi a fare adeguate, approfondite e specifiche indagini con strumenti neutrali.

***

Per di più, alcuni di questi “lorsignori” la fanno anche pagare, addebitando spese giudiziarie.

 

Come reagire?

1)      Per le spese, chiedere rateizzazione, per esempio a 50,00 Euro mensili;

2)      Decidere se proseguire per il secondo grado (appello).

In entrambe le ipotesi i nostri uffici sono a disposizione costante.

***

In ultimo, per quei contratti che non sono impugnabili per contraria definitiva giurisprudenza (Cassazione), tenteremo una specie di ricorso collettivo sulla base di una denunzia per uso scorretto (truffaldino) da parte di Poste Italiane SpA della norma__________ e con l’obiettivo di un sostanzioso risarcimento danni.

***

Resistere è oggi il nostro “mestiere”.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy Policy

Gli applicativi software utilizzati possono contenere la tecnologia “cookie”. I cookies hanno principalmente la funzione di agevolare la navigazione da parte dell’utente. I cookies potranno fornire informazioni sulla navigazione all’interno del Sito e permettere il funzionamento di alcuni servizi che richiedono l’identificazione del percorso dell’utente attraverso diverse pagine del Sito. I cookies presenti negli applicativi software utilizzati sono di tipo anonimo e non sono riconducibili ai dati personali dell’utente. Per qualsiasi accesso al portale indipendentemente dalla presenza di un cookie, vengono registrati il tipo di browser (es. Internet Explorer, Netscape), il sistema operativo (es. Macintosh, Windows), l’host e l’URL di provenienza del visitatore, oltre ai dati sulla pagina richiesta. L’utente ha comunque modo di impostare il proprio browser in modo da essere informato quando ricevete un cookie e decidere in questo modo di eliminarlo. Ulteriori informazioni sui cookies sono reperibili sui siti web dei forniti di browser.

  Il m Tali sedi sono reperibili sui rispettivi siti: www.CUB.it e www.USB.it . io sindacato non ha un nome “comune”, come gli altri (CGIL,CISL,UIL,FAILP,SAILP,UGL);il mio sindacato è aperto,tutti possono entrarvi senza permessi speciali e senza dazio;tutti possono uscire liberamente;il mio sindacato non ha clienti, a cui concedere o far concedere favori quotidiani;il mio sindacato è dei lavoratori,senza discriminazioni,tutti con eguali diritti;il mio sindacato non frequenta le stanze dei padroni postali per scambiare i diritti con le concessioni amichevoli e con i privilegi ai propri apparati;il mio sindacato non firma contratti nei quali si allea con il padrone per dare sanzioni disciplinari, per far lavorare di notte,di festa, a tutte le ore, negare le ferie,umiliare i malati … sostituire il salario con i premi, cancellare le pensioni,eliminare la scala mobile, limitare la democrazia;il mio sindacato odia la precarietà ed ha da sempre lottato per consentire ai precari il diritto al lavoro stabile,contro gli accordi di ieri e di oggi,sostenendone tutte le cause in tutta Italia;il mio sindacato non ha sposato la privatizzazione del servizio pubblico in nome del profitto e del mercato;il mio sindacato lotta per la pace ovunque, lotta per “distribuire diversamente la ricchezza”ovunque!Non confondere e non lasciarti confondere.Il suo nome è CobasPT Cub-USB


  • La sede nazionale, con tutte le funzioni centrali, è in Milano 20131, via Teodosio  n.  9. Il  telefono  02 2663474  è disponibile prevalentemente come fax.
  • La sede di Palermo è in via San Lorenzo n. 200 al 6° piano ed il responsabile è Caruana Alfonso telefono  3711814775.
  • La sede di Brindisi è a disposizione per Puglia-Basicata e Molise ed il responsabile è Astro Salvatore  telefono  3200219020.
  • Sui  territori, ove vi sono sedi CUB e/o USB, le confederazioni con cui collaboriamo, ogni nostro operatore può trovare ospitalità e agibilità per gli impegni locali, oltre alle assistenze di carattere istituzionale, tipiche delle organizzazioni sindacali.
Sede Nazionale: Via Teodosio, 9 - 20131 MILANO Tel/Fax 02-2663474 E-mail:cobaspt@tiscali.it - www.cobasptcub.it C.F. 97116840154 PRECARI.
Powered by Joomla 1.7 Templates
webcreator by CONTEROSSO76